Barca IG

Da poppa a prua: alla scoperta dell’isola d’Elba in barca

Una giornata o una vacanza all’isola d’Elba con la barca a vela o motore è un’esperienza indimenticabile, che riserva sorprese straordinarie, la scoperta di luoghi segreti e accessibili solo dal mare, panorami fantastici e alcuni dei fondali più belli del Mediterraneo, che la abbracciano da ogni parte.

I panorami costieri elbani, molto frastagliati e variegati, celano luoghi nascosti e selvaggi, pronti per essere esplorati e vissuti in esperienze indimenticabili, da soli, in compagnia di amici o in intimità col proprio partner. L’imbarcazione permette di avere libero accesso a quasi tutte le spiagge. Fermandosi poco lontano dalla costa, a distanza di sicurezza, è possibile godersi gli arenili preferiti senza dover pensare al parcheggio o al viaggio per raggiungerli. È il caso di alcune spiagge dell’isola d’Elba che, seppur bellissime come Lacona e Fetovaia, sono difficili da raggiungere o trovarvi un posto libero nel periodo di alta stagione.

Alcune spiagge sono visitabili facilmente solo con un accesso dal mare, come Acquarilli e Remaiolo, nel comune di Capoliveri, Zupignano e Cala dei Mangani, nel territorio di Rio e Cala dei Frati, nel comune di Portoferraio. Ci sono spiagge, come nella zona di Pomonte, con fondali dove si possono effettuare entusiasmanti immersioni alla scoperta di relitti o visitare qualche grotta nascosta e misteriosa – sempre con la dovuta attenzione.

Vivere l’Elba in barca, da un qualsiasi punto al largo della costa, permette di usufruire di una posizione strategica per meravigliose sessioni di snorkeling. Una volta trovato un posto tranquillo, è possibile fare un bagno tranquillamente o immergersi a contemplare la flora e la fauna sottomarina dei fondali elbani, famosi per la loro biodiversità e ricchezza.

DCIM100GOPRO

Un’altra esperienza unica è quella di ammirare i tanti isolotti dell’isola d’Elba, dalla natura selvaggia, dove il tempo sembra essersi fermato. Palmaiola, Liscoli, l’Ogliera, lo scoglietto della Paolina e l’isolotto di Ortano, sono solo alcuni nomi tra i tanti possibili, sta a voi trovare il vostro preferito (P.S. Alcuni sono proprietà privata, come l’isolotto di Cerboli. Quindi non visitabili!).

Sapevate, inoltre, che l’isola d’Elba è compresa nel “Santuario Pelagos”? Un’oasi marina dedicata ai cetacei dove, nella zona sud-ovest dell’isola verso l’isola di Pianosa, esistono delle vere e proprie rotte nelle quali è possibile avvistare balene e delfini di passaggio.

 

©R.Ridi0064MA

Al tramonto, non si smette di vivere le bellezze di quest’esperienza. Le barche ormeggiate in rada, illuminano tutta la baia creando un effetto molto suggestivo; cenare a lume di candela o in compagnia di amici, in mare conclude la giornata con un tocco di romanticismo e spensieratezza. Quali sono le rade migliori in cui sostare? Mola, soprattutto, è riparata da tutti i venti o correnti senza rinunciare al fascino di un luogo decisamente caratteristico. Anche Lacona (Capoliveri). Biodola e San Giovanni e la Darsena Medicea (a Portoferraio) sono mete ottime, così come Marina di Campo e Marciana Marina; ma sono deliziose anche Cavo e Rio Marina e il golfo di Porto Azzurro.

Che tu voglia trascorrere in barca una settimana o anche un solo giorno, l’Elba offre tante soluzioni per ogni tipo di esperienza, noleggiando un’imbarcazione oppure affidandosi alle escursioni guidate proposte nelle varie località costiere. Basta che tu segua la tua passione, come il windsurf, la vela, la fotografia, la velocità, la tintarella, l’archeologia, la pagaia… in barca, c’è posto per tutti.

 

Ph: Roberto Ridi

Share this post

Nessun commento

Aggiungi commento