monte turato elbaxplorer

Spiagge selvagge anche ad Agosto

Se hai scelto di passare le tue vacanze sull’Isola d’Elba per rilassarti e godere delle bellezze della natura questo articolo fa al caso tuo. Ti diamo alcune indicazioni su come raggiungere spiagge meno affollate, originali e fuori dal comune. Ne abbiamo scelte cinque perché descriverle tutte sarebbe impossibile. Iniziamo da queste:
SPIAGGIA DI PEDUCELLI accesso a piedi con un misto di sabbia, ciottoli e rocce. Si accede dalla strada che da Capoliveri conduce a Madonna delle Grazie. Splendide rocce circondano la cala e puoi solamente immaginare l’acqua limpida che troverai in questa oasi.
LA CALA E LA CALETTA con accesso a piedi e via mare con un misto di ciottoli e rocce. Le due spiaggette adiacenti sono raggiungibili da un sentiero lungo la strada asfaltata che da Marciana Marina supera la Fenicia.
PUNTA POLVERAIA con accesso a piedi anche qui con presenza di ciottoli e rocce. Si accede in questo piccolo gioiellino dell’Elba da Patresi attraverso un ripido sentiero.
MONTE TURATO con accesso solo via mare. Spiaggia caratterizzata da ciottoli e rocce lunga circa 120 metri a ridosso di una affascinante scogliera selvaggia.
LE PISCINE con accesso a piedi caratterizzata da rocce. Si accede tramite un sentiero che scende dalla strada litoranea fuori seccheto verso Fetovaia. Il granito scavato nella roccia e successivamente riempitesi di acqua di mare ha creato questo luogo incantevole assolutamente da visitare.
Non ti bastano ? Allora ti aspettiamo qui all’Elba per continuare insieme il viaggio tra spiagge e cale dove sembra che il tempo si sia fermato. La natura ci ha concesso di godere di bellissimi paesaggi e dobbiamo approfittarne con il massimo rispetto. Sei pronto per l’avventura?

Bibliografia Marco Lambertini “Guida della Natura Storia e itinerari”
Ph aisoladelba, elbaxplorer, flickr

Share this post

Chiara Luciani

Biologa marina, istruttrice e guida ambientale subacquea. Comunicare e divulgare le bellezze del mondo marino sono da sempre la mia passione e il mio lavoro.

Nessun commento

Aggiungi commento