#naturelba: GRANDI UCCELLI MARINI

L’Elba e l’Arcipelago Toscano sono ottime soste e incantevoli posti per restare per chi passa sorvolando il mare. Tra tutti i grandi uccelli marini che passano ogni anno, ne abbiamo scelti quattro..

Mangiano di tutto, nidificano dappertutto, sono attaccabrighe e fanno i bulli della situazione. Sono i Gabbiani Reali Zampegialle, 130 cm di apertura alare per 60 cm circa di lunghezza dalla testa alla coda, ali grigie con punte nere, becco giallo con macchia rossa. Quando sono giovani invece, conservano ancora i colori grigiastri dei pulcini, con testa e zampe scure. Odiati da molti per il loro caratteraccio, sono però ottimi volatori e maestri nell’adattamento, pieni di forza vitale, protagonisti di canzoni e delle più belle storie associate a tutti i mari del mondo.

Meraviglie di #naturelba.. un po’ vip, un po’ guappette..

Cantano di notte, e il suono che producono è simile ad una lamentosa canzone, tanto che i naviganti (anche quelli famosi come Ulisse) le scambiavano per Sirene.. e invece sono le Berte Maggiori, grandi e leggerissime. Vivono quasi sempre in mare aperto, riposandosi galleggiando, e si fermano nelle isole accoglienti del Mediterraneo a Marzo per accopiarsi e riprodursi, generalmente mantenendo sempre la stessa coppia e dando luce ad un solo figlio. Nell’Arcipelago Toscano abitano un po’ dappertutto, preferendo i luoghi tranquilli come Pianosa. Qui, nel 2012, grazie ad un progetto del Parco Nazionale, è stata istallata una webcam all’interno di un nido e il piccolo che è nato, Berto, è diventato una piccola star.. Non solo: seguendo il segnale che il piccolo trasmettitore applicato sul giovane volatile inviava, abbiamo potuto seguirlo nel suo girovagare tirrenico e africano per un bel po’, prima che la delicata tecnologia lasciasse il posto alla libertà della natura.

Qui http://bit.ly/1rh1Pr1 puoi vedere Berto con Mamma e Papà (anche se essendo nato in Toscana, sarebbe più corretto chiamarlo Babbo), qualche insidia sinuosa e la trasformazione da pulcino piumoso a giovane esploratore dei mari.

Meraviglie da GrandeFratello, a #naturelba!!

Perchè aspettare che i pesci arrivino abbastanza vicini alla superficie per papparseli? Il Marangone dal Ciuffo ovvia a questa inutile attesa con immersioni degne del Consorzio Elbano Diving. E senza bombole. Lucido, impermeabile e spavaldo, si spinge fino alle spiagge più gremite nell’inseguire questa o quella boga, ma si ritira con i suoi compagni su grandi scogli e anfratti ben nascosti quando cala la sera e soprattutto quando deve proteggere il nido. Qui nell’Arcipelago Toscano abita una delle più grandi colonie italiane, che i Marangoni contribuiscono ad alimentare ogni anno, deponendo tre uova a coppia e curando i piccoli fino a due mesi di età. E il ciuffo? Lo si vede solo d’inverno, nella stagione degli accoppiamenti, sulla testa dei maschi.

Meraviglie di #naturelba, con banana e brillantina.

Ed eccolo, finalmente, l’emblema del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano: schivo e delicato il Gabbiano Corso ha scelto l’Elba e le altre isole tirreniche come dimora preferita in Italia, grazie alla purezza dell’acqua e alla tranquillità delle coste.

Piccolo e snello, si distingue dai cugini invadenti nutrendosi quasi esclusivamente di pesce e mettendo bellamente in mostra il rosso corallo del becco e delle zampe e il nero che porta con disinvoltura sulle punte delle ali e della coda. Nidifica più tardi, in buchette che poi ricoprirà di vegetazione e i genitori covano le uova a turno, per quasi un mese.

Tutte queste peculiarità rendono difficile l’accrescimento delle colonie e il Gabbiano Corso rientra quindi nella Direttiva Uccelli (n. 79/409/CEE e 2009/147/CE) come specie particolarmente protetta, insieme alla Berta e al Marangone.

Meraviglie di #naturelba, fragili e speciali.

 

ph credits: Social Media Team, Massimiliano Mastellone, Natura Mediterraneo (http://bit.ly/1qNLbQw e http://bit.ly/1C3MVrz)

Share this post

Silvia Bracci

Grafica Pubblicitaria fiorentina di nascita, Guida Ambientale Escursionistica elbana d'adozione, mi occupo di tutto ciò che è Green e Natura, raccontando le meraviglie della montagna in mezzo al mare.

Nessun commento

Aggiungi commento