Aleatico Ph Caterina Chimenti

L’aleatico

Tra i prodotti di punta dell’enologia non può mancare l’aleatico passito elbano:  ha guadagnato la denominazione d’origine controllata e garantita, che lo colloca ai posti più alti delle classifiche internazionali della sua categoria.

Una produzione tipica dell’ Elba che ancora trova spazio nelle aziende agricole. E’ coltivato nei tipici terrazzamenti strappati al mare ed è caratterizzato dalla dedizione e dalla cura dei viticoltori che mantengono le tradizioni e i ritmi di una volta.

L’Aleatico si ricava dalle uve aleatico 100% selezionate e sottoposte ad appassimento all’aria. Ha colore rubino, un odore intenso di confetture di frutta rossa e un sapore dolce che si sposa perfettamente con la tipica schiaccia briaca elbana.

Si gusta con calma abbinandolo ai dolci del territorio al termine di un pasto, oppure da solo percependo la varietà di sapori

Si racconta che Napoleone Bonaparte, in attesa al largo nella rada di Portoferraio, prima di sbarcare sull’isola il 4 maggio 1814, osservasse interessato l’Elba con un cannocchiale. Si dice che il generale soffermò il suo sguardo su di una grande vigna cinta da mura. Era “La Chiusa” gestita anche al tempo dalla famiglia Foresi.

Secondo la tradizione, il condottiero fece ammarare una scialuppa e raggiunse il luogo dove assaggiò un vino dolce rosso rubino che subito gli tirò su il morale….Quel giorno Napoleone scoprì il suo vino preferito: l’Aleatico.

Ph: Caterina Chimenti http://bit.ly/1vidrxP

Share this post

Federica Mazzei

Elbana di nascita, giramondo per natura. Nata nel 1984 consegue nel 2007 una laurea triennale in Comunicazione sociale e nel 2009 una laurea magistrale con lode in Sistemi e progetti di comunicazione, prosegue il percorso formativo con una borsa di studio di due anni presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa (attività di supporto e potenziamento Ufficio Relazioni con il Pubblico, progettazione Piani integrati a livello di Zona distretto). Esperienze lavorative nel settore delle relazioni al pubblico, negli enti del terzo settore e nella comunicazione digitale.

Nessun commento

Aggiungi commento