nudibranco_elba

I Nudibranchi: disegni perfetti della natura

Sei un subacqueo appassionato della macrofotografia? Allora i tuoi soggetti preferiti non possono che essere in Nudibranchi, splendidi organismi che popolano i fondali dell’Isola d’Elba.

Se invece sei appassionato dell’ambiente marino e non ne hai mai sentito parlare te li presentiamo subito.

Il nome già è molto particolare come la loro anatomia.

Il termine Nudibranchi deriva dal latino nudus (nudo) e dal greco brankhia (branchia) e vuol dire con le branchie nude.

Fanno parte della classe dei Gasteropodi e non presentano conchiglia. Sembrano proprio delle lumache terrestri, senza guscio, ma molto più affascinanti e colorate.

Hanno delle dimensioni che variano da 1 a 30 cm. Presentano delle antenne chiamate Rinofori che hanno funzione sensoriale e la maggior parte dei nudibranchi hanno il corpo ricoperto da protuberanze chiamate Cerata che vengono utilizzate per la respirazione ma non solo.

Sono piccoli, è vero, ma in mare non hanno rivali. Sai perché?

Hanno dei colori molto vivi e intensi e in natura questo vuol dire pericolo. Sono infatti organismi tossici per gli altri abitanti del mare.

Si trovano a qualsiasi profondità, dai 5 ai 50 m. Pensa che è possibile avvistarli anche con una semplice escursione di snorkeling naturalistico. Li troverai appoggiati su alghe, spugne e gorgonie, insomma, sull’organismo di cui ogni singola specie predilige cibarsi.

Non ti resta che preparare la tua attrezzatura fotosub o prendere una maschera.

I nudibranchi ti aspettano, qui all’Isola d’Elba, per farsi ammirare con tutta la loro eleganza.

Ph Pier Giacomo De Cecco

Share this post

Chiara Luciani

Biologa marina, istruttrice e guida ambientale subacquea. Comunicare e divulgare le bellezze del mondo marino sono da sempre la mia passione e il mio lavoro.

Nessun commento

Aggiungi commento