cristicchi-teatro-elba

Teatro – Il secondo figlio di Dio

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 17/02/2018
21:15 - 23:30

Luogo
Teatro dei Vigilanti

Categorie


IL SECONDO FIGLIO DI DIO
Vita, morte e miracoli di David Lazzaretti

scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi
con Simone Cristicchi
regia Antonio Calenda
musiche originali Simone Cristicchi e Valter Sivilotti
voci registrate Coro Ensemble Magnificat di Caravaggio
disegno luci Cesare Agoni
scene e costumi Domenico Franchi
elaborazione video Andrea Cocchi
sonorizzazioni Gabriele Ortenzi
progetto audio Andrea Balducci
foto e produzione CTB – Centro Teatrale Bresciano/Promo Music

Ogni sogno ha una voce precisa e questa voce sta dentro ognuno di noi. Solo i matti, i poeti, i rivoluzionari, non smettono mai di sentirla. E a forza di darle retta magari poi ci provano davvero a cambiarlo, il mondo. Come David Lazzaretti che in cima a una montagna, davanti a una folla adorante di quattromila persone, si proclama reincarnazione di Cristo.
È il luglio del 1878, l’inizio di una rivoluzione che avrebbe potuto cambiare il corso della storia. Ispirato alla vicenda incredibile e realmente accaduta di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”, Il secondo figlio di Dio racconta tra canzoni inedite e narrazione la grande avventura di un mistico e l’utopia di un visionario di fine Ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale.

Durata: 1,35’

Biglietti
platea 20,00 euro
palchi 15,00 euro
ridotto 10,00 euro (under 25, over 65, militari)
La biglietteria apre un’ora prima dello spettacolo.

Prevendita
Cosimo de’ Medici, Calata Mazzini 37
Lunedì, mercoledì, giovedì e sabato in orario 8.30-12.30 e 15.30-19.30, martedì e venerdì in orario 8.30-12.30 e 17.30-19.30.
Infoline 0565 944024

Vedi tutti gli eventi

Share this post

Silvia Bracci

Grafica Pubblicitaria fiorentina di nascita, Guida Ambientale Escursionistica elbana d'adozione, mi occupo di tutto ciò che è Green e Natura, raccontando le meraviglie della montagna in mezzo al mare.

Nessun commento

Aggiungi commento