Dai minerali elbani al turismo: la storia di un’isola

Il parco minerario da scoprire sull’Isola d’Elba

Il Parco Minerario dell’Elba può essere definito come un parco nel parco (cioè quello Nazionale dell’Arcipelago Toscano). Territorio ricco di minerali, l’Isola d’Elba ha vissuto per secoli di questa sua preziosa risorsa composta da una vasta varietà tra cui Ematite, Magnetite, Limonite e Pirite, a cominciare dagli Etruschi e dai Romani, per poi continuare con Pisani e Genovesi nell’epoca Medioevale e nondimeno anche sotto Napoleone, ma ha visto la sua fine nel recente 1981 quando chiuse la Miniera di Calamita, l’ultima ad essere ancora attiva.

Il motivo della chiusura non fu la carenza di minerali elbani, quanto piuttosto la scelta economica della concessionaria Italsider di affidarsi al Sud America ed al Sud Africa dove costava meno. Se già dagli anni 60 l’isola selvaggia ed incontaminata cominciava ad essere attraente per i primi visitatori, fu con la chiusura degli impianti minerali dell’Elba negli anni 80 che si ebbe la svolta verso il turismo. Da più moderna e ricca miniera d’Europa, Elba si trasformava in una delle mete più apprezzate del mediterraneo, sapendo cogliere i nuovi input ed adeguandosi a quella che sarebbe stata la sua nuova vocazione.

Nel Museo dei minerali e dell’Arte Mineraria che si trova a Rio Marina, aperto da aprile a ottobre, è possibile visionare le circa 100 varietà di minerali dell’Isola d’Elba provenienti dalle diverse aree del territorio. È possibile inoltre percorrere le gallerie delle miniere a bordo dei caratteristici trenini o passeggiare lungo i sentieri minerari accompagnati da guide esperte. Da vedere anche il cantiere di Valle Giove, dove si possono trovare piccoli campioni di pirite ed ematite, il Museo dei minerali “Alfeo Ricci” a Capoliveri ed il Museo archeologico del distretto minerario a Rio nell’Elba. Da non perdere in Primavera, all’interno della manifestazione Magnalonga, è previsto un cammino enogastronomico che porta fino alle antiche miniere sul promontorio del Calamita.

Share this post

Federica Mazzei

Elbana di nascita, giramondo per natura. Nata nel 1984 consegue nel 2007 una laurea triennale in Comunicazione sociale e nel 2009 una laurea magistrale con lode in Sistemi e progetti di comunicazione, prosegue il percorso formativo con una borsa di studio di due anni presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa (attività di supporto e potenziamento Ufficio Relazioni con il Pubblico, progettazione Piani integrati a livello di Zona distretto). Esperienze lavorative nel settore delle relazioni al pubblico, negli enti del terzo settore e nella comunicazione digitale.

Nessun commento

Aggiungi commento