Capo d’Enfola tra storia e natura

Una bella passeggiata per tutta la famiglia? Il promontorio dell’Enfola!

Attaccato al resto dell’isola tramite un pugno di terra, si presenta da lontano come una collina a se stante sul mare, cosa che gli valse l’appellativo di Insula e nel tempo, il nome attuale.

Proprio alla base del rilievo, ha sede il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano in quella che era la Tonnara, o Marfaraggio, di Capo Enfola. Fino al 1958 i Tonnarotti si sono affaccendati tra l’edificio principale, l’Arsenale, e gli annessi, oggi scomparsi, che costituivano la produzione ittica: alloggi, magazzini, il rimessaggio delle barche e delle attrezzature di pesca, un molo di attracco per i barconi che portavano i tonni, vasche di tintura per le reti (a base di cortecce di castagno) e gli edifici amministrativi.

Un complesso sistema di reti, composto da diverse camere, veniva sistemato sulla rotta dei tonni a circa 900 metri in direzione Nord-Est partendo dalla punta di Sansone. Qui, si consumava la pesca, sotto l’attenta direzione del Rais, che spesso, per la conformazione particolare del territorio, si sistemava direttamente sulla rupe, potendo controllare il passaggio del pesce attraverso l’acqua trasparente.

Trasparenza che si è conservata fino ad oggi, e che si gode appieno lungo il sentiero che avvolge il promontorio e che porta in alto, sull’altro versante, a picco sul mare e sullo Scoglio della Nave, dimora di moltissimi uccelli marini.

Ben visibili, i resti della Batteria De Filippi: numerosi bunker e strutture belliche, attraversabili con l’ausilio di una torcia e risalenti alla seconda guerra mondiale, compreso l’alloggiamento per la grande fotocellula che, all’occorrenza, poteva illuminare il Canale di Piombino a giorno, evidenziando le navi di passaggio.

Il percorso, ha uno svolgimento ad anello e termina di nuovo sulla spiaggia, perfetta per un riposino e una merenda.. all’elbana: schiaccina croccante e birra autoctona.

Da fare tutto l’anno, in compagnia.

 

Ph Tonnara: www.islepark.it

Share this post

Silvia Bracci

Grafica Pubblicitaria fiorentina di nascita, Guida Ambientale Escursionistica elbana d'adozione, mi occupo di tutto ciò che è Green e Natura, raccontando le meraviglie della montagna in mezzo al mare.

Nessun commento

Aggiungi commento